Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Romina Baroni: torneremo ad abbracciarci, ma ora restate a casa
M.V. - 13 marzo 2020

Pubblichiamo di seguito la lettera che la sindaca Romina Baroni recapita virtualmente a tutte le cittadine e cittadini di Villa Lagarina: «Mi sento di scrivere a tutti Voi in questo momento molto difficile per darvi il mio sostegno e farvi sentire la vicinanza dell'istituzione comunale nel “combattere” contro questo nemico invisibile che non ci avvisa quando ci colpisce ma che riusciremo a “sconfiggere” con l’unica arma che abbiamo a disposizione: l’evitare i contatti con le altre persone. Rimanere in casa è, per il momento, l’unica soluzione, senza se e senza ma.» Da lunedì e fino al 25 marzo è chiuso anche il Municipio, ma sono garantiti i servizi essenziali: basta telefonare allo 0464 494212


Care/i concittadine/i,

mi sento di scrivere a tutti Voi in questo momento molto difficile per darvi il mio sostegno e farvi sentire la vicinanza dell'istituzione comunale nel “combattere” contro questo nemico invisibile che non ci avvisa quando ci colpisce ma che riusciremo a “sconfiggere” con l’unica arma che abbiamo a disposizione: l’evitare i contatti con le altre persone. Rimanere in casa è, per il momento, l’unica soluzione, senza se e senza ma.

Se solo poco tempo fa non immaginavamo potesse accadere ciò che stiamo vivendo, ora dobbiamo essere uniti e rispettare rigorosamente le disposizioni emanate dal nostro Governo, che valgono su tutto il territorio nazionale.

Purtroppo mi rendo conto che molte persone non hanno ancora capito come il mancato rispetto di semplici comportamenti possa generare gravi conseguenze che ricadono inevitabilmente su tutta la collettività. So bene che questa é una dura prova per tutti e che non è facile cambiare le nostre abitudini, ma è estremamente importante che ognuno di noi faccia la propria parte, responsabilizzando soprattutto le giovani generazioni. Non è una vacanza né un gioco ma purtroppo un'emergenza vera.

Pronipoti, nipoti, figli, mamme, papà, nonni, bisnonni e trisnonni sono pietre preziose nella famiglia e nella nostra comunità, indipendentemente dalla loro età. Va quindi garantita la salute a tutti, partendo dal rispetto. Quando oggi ho visto le foto dei molti disegni appesi all’esterno delle abitazioni con l’arcobaleno e la scritta “Andrà tutto bene”, ho capito che sta maturando la giusta consapevolezza per affrontare con forza e coraggio questo brutto periodo.

State a casa. È infatti consentito uscire solamente per fare la spesa (un componente per famiglia) alla bottega del paese, per recarsi in farmacia, per casi di comprovata necessità o per lavoro, ricordando di compilare l’autocertificazione. Se volete prendere una boccata d’aria, potete fare una passeggiata (non una gita!) ma solo in prossimità dell’abitazione e mantenendo sempre la distanza di almeno un metro dagli altri. Oggi abbiamo dovuto chiudere i parchi pubblici perché molti li usavano come luogo di ritrovo...

È un dovere di tutti proteggere le persone più fragili che, se si dovessero ammalare, potrebbero trovarsi in forte difficoltà. Il nostro sistema sanitario è messo a dura prova, la situazione nella nostra Regione appare al momento sotto controllo, la nostra Amministrazione provinciale attraverso la task force di protezione civile si è attivata per affrontare il peggio allestendo nuovi posti letto, che ci auguriamo non debbano mai servire.

Ad oggi sul nostro territorio comunale non ci sono stati segnalati casi positivi e questa è una notizia che rincuora e dà speranza. Se rimaniamo in casa ed evitiamo i contatti sociali possiamo arginare la diffusione del virus e consentire un più facile monitoraggio in caso di contagio.

Sono sicura che avete compreso lo sforzo che stanno facendo la comunità scientifica, la ricerca e i sanitari – medici, infermieri, operatori, addetti, tutto il personale, nessuno escluso, che a diverso titolo lavora ininterrottamente nelle strutture ospedaliere e sanitarie in generale – assieme alla task force di protezione civile e alle istituzioni – dal Governo, alla nostra Provincia e ai Comuni – che sono chiamate al non facile compito di assumere decisioni difficili e che restringono, pur temporaneamente, la nostra libertà.

Si prospetta un periodo pesante soprattutto per molte categorie economiche a cui va tutta la mia solidarietà e alle quali sia il governo centrale sia provinciale e comunale, per quanto di competenza, stanno lavorando per poter fornire gli aiuti necessari per superare questa fase e per potersi rialzare presto, appena l'emergenza sarà finita.

Attenetevi quindi alle regole che sono state pubblicate in sintesi anche sul sito www.comune.villalagarina.tn.it, esposte nelle bacheche e presso i negozi aperti nonché diffuse attraverso i social istituzionali. Ma diffidate da tutte le altre notizie non ufficiali e comunque verificate sempre la fonte prima di diffonderle ai vostri contatti e gruppi.

Ricordo che la Famiglia cooperativa Monte Stivo offre il servizio di spesa a domicilio sia a Castellano che a Pedersano, basta telefonare. E che alla farmacia di Villa Lagarina è possibile prenotare telefonicamente i medicinali.

È inoltre attivo il numero verde 800 867 388 per informazioni di carattere tecnico/sanitario mentre il 112 va chiamato solo in caso di urgenza. Se la febbre va oltre i 37,5°C e si pensa di essere stati contagiati NON recatevi al Pronto Soccorso ma telefonate al medico curante o alla guardia medica.

Grazie per quello che state facendo: è un importante dimostrazione di mutuo/aiuto, solidarietà e rispetto che sono la forza delle nostre comunità.

Per parte mia posso assicurarvi che la Centrale operativa comunale è stata attivata ed è permanentemente operativa. Siamo a disposizione per chiarimenti e/o per tutto ciò di cui potreste avere bisogno. Il numero 0464 494212 è sempre attivo.

Andrà tutto bene e torneremo presto ad abbracciarci.

Romina Baroni, sindaca

Romina Baroni