Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Covid-19: ripartiamo, con giudizio e proteggendoci a vicenda
M.V. - 18 maggio 2020

L’emergenza non è terminata, bisogna esserne consapevoli. Le misure restrittive sono però state notevolmente allentate e abbiamo accettato di iniziare la fase di convivenza con il virus. Ciò richiede che ciascuno si comporti in maniera prudente e responsabile perché Covid-19 si aggira ancora subdolo, pronto a colpire. Vanno rispettate con puntualità le regole emanate dalle autorità. Occorre attenersi alle indicazioni sanitarie di sicurezza che non ci stanchiamo di ripetere: indossare sempre la mascherina; mantenere il distanziamento interpersonale di almeno un metro; curare l’igiene e in particolare quella delle mani. Lo scorso 15 maggio in Trentino hanno aperto le attività al dettaglio e i centri commerciali, dal 18 maggio riprendono l’attività anche bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, pub, servizi alla persona come parrucchieri e centri estetici, b&b e affittacamere. Il tutto secondo precisi protocolli di sicurezza per ogni categoria. Decade anche l’obbligo dell’autocertificazione e quindi ci si potrà muovere liberamente entro i confini regionali senza dover giustificare il motivo. Rimane il divieto di assembramento. Il crono-programma del Governo prevede che dal 25 maggio riapriranno le palestre, le piscine e i centri sportivi; dal 15 giugno cinema, teatri e sale da concerti; dal 3 giugno ci si potrà spostare liberamente in tutto il Paese e verranno aperte le frontiere di ingresso in Italia. Il Centro operativo comunale ha stabilito che l’accesso al municipio potrà avvenire per il momento solo su appuntamento, da fissare al numero 0464 494222. Ha anche definito il nuovo orario della biblioteca comunale, dal lunedì al sabato dalle 8 alle 12 (e fino al 13 giugno anche dalle 15 alle 18 il lunedì e giovedì) ma con tavolini collocati nel cortile del palazzo. Le sale espositive di Palazzo Libera riapriranno invece sabato 6 giugno, anche in questo caso con un nuovo orario: venerdì, sabato e domenica dalle 14 alle 21. Come consuetudine, trovate qui di seguito la sintesi sempre aggiornata delle misure attualmente in vigore e le informazioni di carattere locale utili per organizzare la propria quotidianità


Dati globali aggiornati

Dati provincia di Trento aggiornati

ELEVATE: contatti, spostamenti, acquisti, tempo libero. Cosa è consentito fare?

SOS sanitario
Le persone con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5°C devono rimanere presso il proprio domicilio e contattare il numero verde 800 867388 o il proprio medico curante. NON accedere mai al pronto soccorso.

Centro operativo comunale (COC4)
Il COC è coordinato dalla Sindaca, massima autorità decisionale in caso di emergenza relativa al territorio comunale, coadiuvata dal Comandante del Corpo volontario dei Vigili del fuoco e dalla Sala operativa comunale (SOC). È stato attivato lo scorso 25 febbraio ed è permanentemente operativo dal 9 marzo.

Chi è in quarantena o positivo
Le persone sottoposte alla misura della quarantena ovvero risultate positive al virus hanno il divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora. Raccolgono i propri rifiuti in un unico contenitore in maniera indifferenziata e lo inseriscono in un secondo contenitore che chiudono usando i guanti monouso. Il ritiro sarà concordato con il Comune. Chi possiede un animale da affezione e causa la malattia non potesse temporaneamente occuparsene, può contattare il n. 349 3822916, il servizio è gratuito.

Pronto soccorso
È vietato agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso, salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto.

Residenze sanitarie per anziani
L'accesso di parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA), hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, è limitata ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

Mascherine
È fatto obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie appena usciti di casa o dal luogo di lavoro oltre che in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con gli stessi. L’uso della mascherina si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio, come il distanziamento fisico e l'igiene costante e accurata delle mani, che restano prioritarie. Nello svolgimento dell’attività sportiva individuale (corsa, bicicletta e ogni altro sport amatoriale) la mascherina è obbligatoria nelle aree urbane e piste ciclabili frequentate da altre persone. Nelle aree aperte è obbligatorio avere con sé la mascherina ma si deve indossarla solo in prossimità di altre persone, mantenendo comunque la distanza interpersonale di almeno un metro. L'obblido della mascherina permane anche nei locali di ristorazione dal momento in cui ci si alza dal tavolo. L'obbligo della mascherina e della distanza non si applica per i componenti lo stesso nucleo familiare.

Mobilità
Ci si può muovere liberamente in ambito regionale, senza autocertificazione e senza dover dichiarare il motivo dello spostamento. L’autocertificazione rimane per uscire dal Trentino - Alto Adige, valida solo per i noti motivi di lavoro, salute e necessità. È consentito spostarsi nelle province confinanti  del Veneto (e viceversa) per la visita di congiunti o per fruire delle attività economiche ivi aperte.

Divieto di assembramento
È vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici e privati. La Sindaca può disporre la temporanea chiusura di specifiche aree in cui non sia possibile assicurare altrimenti il rispetto di quanto previsto.

Parchi pubblici
L'accesso del pubblico ai parchi e ai giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto del divieto di assembramento nonché al mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. La sindaca può disporre la temporanea chiusura di specifiche aree in cui non sia possibile assicurare altrimenti il rispetto di quanto previsto. Le aree attrezzate per il gioco dei bambini sono chiuse. Restano per il momento chiusi il Parco dei Sorrisi e il Parco San Rocco, principalmente adibiti ad attività ludica, al momento ancora vietata.

Spesa a domicilio
- FAMIGLIA COOPERATIVA MONTE STIVO: effettua consegna a domicilio della spesa nelle frazioni di Castellano e Pedersano. L’ordine va fatto telefonicamente tra le 7:30 e le 10 ai seguenti numeri: per Castellano allo 0464 801170, per Pedersano allo 0464 412060. La consegna avverrà a partire dalle 11:30 anche a mezzo volontari della protezione civile coordinati dal Comune.
- FRUTTA E VERDURA RICCARDO ZANDONAI di Villa Lagarina: effettua consegne a domicilio gratuite su tutto il territorio comunale: è sufficiente telefonare al numero 349 2437395 negli orari di apertura e la consegna avviene in giornata o al più tardi il giorno successivo.
- EUROSPIN VILLA LAGARINA: fa consegna a domicilio in tutto il comune alle persone over 60 o impossibilitate a muoversi, per acquisti superiori a 30 euro e una sola volta per settimana: l’ordine va fatto su spesa.eurospinvilla@gmail.com specificando nome, recapito e telefono.

Centro raccolta materiali
L’accesso al CRM sovra-comunale di Villa Lagarina fino al 30 maggio è consentito solo su prenotazione (Sportello ambiente: 0464 494208, 8:30-17:30) e in base al comune di residenza. La giornata dedicata a Villa Lagarina è il sabato mattina dalle 8 alle 12 e, in coabitazione con Nomi, anche il sabato pomeriggio dalle 14 alle 17. Si può entrare due persone per volta. È obbligatorio l’uso della mascherina e dei guanti oltre al rispetto delle distanza di sicurezza di almeno 2 metri da altre persone. L’eventuale attesa prima di accedere al centro dovrà avvenire all’interno della propria autovettura, senza scendere dalla stessa. Si devono conferire i rifiuti già differenziati (non è ammesso fermarsi a differenziate i rifiuti all’interno del centro) in quanto ciascuno avrà a disposizione non più di 10 minuti. La collaborazione di tutti è indispensabile per garantire l’erogazione del servizio in condizioni di sicurezza ed efficienza.

Ritiro verde a domicilio
Fino al termine dell'emergenza, è possibile prenotare il ritiro gratuito a domicilio anche di residui di potatura e verde oltre che di ingombranti e RAEE, telefonando dal lunedì al venerdì (8:30-13 / 14-17:30) al numero gratuito 800 024 500.

Sacchetti multimateriale
Chi ne è sprovvisto non deve recarsi in municipio ma scrivere una email a info@comune.villalagarina.tn.it oppure telefonare tra le 9:00 e le 12:00 allo 0464 494222 e lasciare il nominativo del titolare dell’utenza richiedente, il numero di telefono e l’indirizzo di residenza. La consegna avverrà a domicilio entro un tempo ragionevole. Vale in ogni caso la buona regola di compattare al massimo bottiglie di plastica, lattine, etc. in modo da riempire completamente il sacchetto.

Allenamento degli atleti
Sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, le sessioni di allenamento degli atleti di discipline sportive individuali e di squadra, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali e internazionali. A tali fini, sono emanate apposite Linee-Guida, a cura dell'Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Eventi e competizioni sportive
Restano sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.

Eventi e spettacoli
Restano sospese le manifestazioni organizzate, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con la presenza di pubblico, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, quali, a titolo d'esempio, feste pubbliche e private, anche nelle abitazioni private, eventi di qualunque tipologia ed entità.

Palestre, piscine, centri ricreativi
Rimangono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi.

Asili, scuole e università
Rimangono sospesi i servizi educativi per l'infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, nonché i corsi professionali e le attività formative svolte da altri enti pubblici, anche territoriali e locali e da soggetti privati, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza. Sono esclusi dalla sospensione i corsi di formazione specifica in medicina generale.

Tributi sospesi
- ACQUEDOTTO/FOGNATURA/DEPURAZIONE: termini di pagamento spostati al 30 settembre 2020 senza aggravio, qualora canone già notificato; invio di ulteriori titoli di pagamento sospeso fino al 31 luglio 2020.
- RIFIUTI URBANI (TARI): sospesi fino al 31 maggio i versamenti con scadenze fissate per legge in marzo e aprile, in attesa di ulteriori disposizioni normative.
- CANONI DI AFFITTO DI IMMOBILI O TERRENI COMUNALI: sospesi fino al 31 maggio 2020.
- IMIS: sospeso per l’anno 2020 il versamento dell’acconto in scadenza il 16 giugno. Chi è in difficoltà può versare l’intera imposta dovuta in un’unica soluzione entro il 16 dicembre 2020.

Carte di identità
La validità ad ogni effetto dei documenti di riconoscimento e di identità rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza successivamente alla data di entrata in vigore del decreto-legge Cura Italia è prorogata al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta limitata alla data di scadenza indicata nel documento.

Patenti e revisioni
La validità di tutte le patenti di guida e nautiche in scadenza dal 18 marzo 2020 in poi è automaticamente prorogata fino al 31 agosto 2020. Così tutte le revisioni che hanno sulla carta di circolazione una scadenza fino al 31 luglio 2020 sono prorogate fino al 31 ottobre 2020.

Centro famiglia 180°
Non ha mai smesso le proprie attività e grazie alla creatività dello staff propone, ogni giorno, dal lunedì al giovedì, sulla propria pagina Facebook (https://www.facebook.com/CentroFamiglia180Gradi), video tutorial attraverso i quali i bambini e le bambine sono guidati a produrre dolcetti, a partecipare a laboratori di riciclo, ad ascoltare fiabe e letture animate, a risolvere divertenti indovinelli. Se non bastasse, dal 20 aprile le educatrici Sara (377 4688444) e Alessia (371 3822436) sono disponibili ogni lunedì, dalle 15 alle 17, a farsi contattate dagli abituali frequentatori del centro per chiarire telefonicamente dubbi e curiosità sulle attività proposte ma soprattutto per scambiare due chiacchiere.

Scuola musicale Jan Novák
Dal 6 aprile sulla sua pagina Facebook ha lanciato #RESTOinASCOLTO, un appuntamento settimanale per scoprire musica da ascoltare con due minuti di audio-guida realizzata dagli insegnanti della scuola.

 

Ordinanza del Presidente della Provincia autonoma di Trento del 1/6/2020
[Disposizioni relative a misure straordinarie in materia  di termini di procedimenti amministrativi e scadenze per adempimenti e obblighi informativi, nonché relative al contenuto della propria ordinanza del 18 maggio 2020 prot. n. 271453/1 circa l'obbligo di utilizzo della mascherina e altre disposizioni adottate a seguito dell'emanazione del Decreto Legge 16 maggio 2020, n.33 del conseguente DPCM 17 maggio 2020]

Ordinanza del Presidente della Provincia autonoma di Trento del 1/6/2020
[Disposizioni provinciali per la riapertura dei servizi socio educativi pubblici e privati per la prima infanzia e delle scuole dell'infanzia provinciali, equiparate e paritarie]

Ordinanza del Presidente della Provincia del 27/05/2020
[Disposizioni relative allo svolgimento degli esami dei percorsi di Iefp di qualifica e diploma e tirocini formativi tirocini curriculari e tirocini estivi - nell'ambito dei percorsi del sistema educativo provinciale e dell'alta formazione professionale]

Ordinanza del Presidente della Provincia del 23/05/2020
[Disposizioni provinciali sul servizio di trasporto pubblico locale a seguito dell'emanazione del DPCM 17 maggio 2020]

Delibera della Giunta provinciale del 22/5/2020
[Emergenza sanitaria Covid-19 - applicazione dell'art. 34 della legge provinciale 13 maggio 2020, n. 3 in merito alle attività economiche che possono operare alla luce del decreto legge 16 maggio 2020 n. 33 e del conseguente DPCM 17 maggio 2020]
- Protocollo di sicurezza sul lavoro per attività di accoglienza e strutture ricettive
- Protocollo di salute e sicurezza sul lavoro - Agricoltura e lavori forestali
- Protocollo di sicurezza sul lavoro per le attività di accoglienza e strutture ricettive

Ordinanza del Presidente della Provincia autonoma di Trento del 18/5/2020
[Disposizioni provinciali a seguito dell'emanazione del DPCM 16 maggio 2020, n. 33 e del conseguente DPCM 17 maggio 2020]

Nota del Presidente della Regione Veneto e del Presidente della Provincia autonoma di Trento prot. 268481 del 15/5/2020
[Visita congiunti nelle province di confine della Regione del Veneto e della Provincia autonoma di Trento]

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17/5/2020
[Attuazione del Decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33]
- Allegati al DPCM

Decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33
[Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19]

Delibera della Giunta provinciale n. 656 del 16/5/2020
[Emergenza sanitaria Covid-19 - Applicazione della disposizione di cui all'art. 34 della legge provinciale 13 maggio 2020, n. 3 nell'ambito delle attività dei servizi di ristorazione e dei servizi dei parrucchieri e di altri trattamenti estetici, nonché di ulteriori attività individuate dal rispettivo codice ATECO]
- Documento guida per ristorazione e pubblici esercizi
- Protocollo di sicurezza sul lavoro per le attività di cura alla persona

Delibera della Giunta provinciale n. 608 del 14/05/2020
[Emergenza sanitaria Covid-19 - Applicazione nell'ambito delle attività del commercio al dettaglio della disposizione di cui all'art. 34 della legge provinciale 13 maggio 2020, n. 3]
- Protocollo per il settore commercio all'ingrosso e al dettaglio
- Protocollo per la riapertura dei centri commerciali

Vai all’elenco di tutti i provvedimenti finora emanati

Proteggiamoci