Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Via libera al bilancio 2011
M.V. - 10 marzo 2011

Dopo sei ore di discussione e quando mancava un minuto alla mezzanotte il Consiglio comunale ha approvato il primo bilancio dell'Amministrazione Manica di questa consiliatura che pareggia su un importo di 6.117.203 euro. Tredici i voti favorevoli, quelli della maggioranza di Villa Lagarina Insieme, contrari i quattro rappresentanti di Comunità Attiva mentre i due consiglieri di Vivere Villa Lagarina si sono astenuti. Confermata la vendita dell’ex Monte di Pietà "entrata necessaria per dar corso ad altri investimenti sul territorio" ha affermato Alessio Manica. In allegato la relazione programmatica del sindaco e gli interventi dei capigruppo


È stata una lunga serata quella di lunedì 7 marzo che ha visto il Consiglio comunale discutere e poi votare il bilancio di previsione 2011 e quello pluriennale 2011-2013.

Per una buona ora e mezza il sindaco Alessio Manica e l'assessore al bilancio Ivano Zandonai hanno fatto analisi, illustrato programmi, snocciolato numeri, offerto comparazioni. Centralità della persona, sobrietà, sostenibilità e responsabilità sono state le parole chiave attorno cui il sindaco ha costruito la sua relazione programmatica, frutto del lavoro a più mani di giunta comunale e consiglieri delegati.

Molto interessanti le comparazioni offerte dall'assessore Zandonai con il gruppo di Comuni che per dimensione sono similari a Villa Lagarina (es. Folgaria, Brentonico, Pinzolo, Cavalese, …) sulla base dei dati consolidati 2009 [fonte: Provincia autonoma di Trento].

Si scopre per esempio che i tributi incassati dal comune per ciascun cittadino di Villa ammontano a 147 euro, contro una media di 319 euro pro capite incassati dai comuni facenti parte della stessa classe di grandezza, e una media provinciale di 211 euro.

Sempre sul fronte delle entrate correnti si nota che i trasferimenti per abitante erogati dalla Provincia ammontano per Villa Lagarina a 476 euro per abitante, a 549 euro per i comuni della stessa classe. La media di tutti i comuni provinciali è di 798 euro per abitante.

Emerge anche ad esempio che l'incidenza della spesa per il personale sull'ammontare complessivo della spesa di funzionamento dell'apparato comunale (35,30%) è assolutamente in linea con la media di classe di comuni simili (35,70%) e con la media provinciale (34,50%).

Così come l'incidenza del debito sulle entrate correnti di Villa Lagarina è ben al disotto (57,40%) della media di classe (69,10%) e della media provinciale (64,80%).

La successiva discussione ha visto poi gli interventi dei tre capigruppo, Luca Laffi per Comunità Attiva, Cristian Martinelli per Vivere Villa Lagarina e Marco Vender per la maggioranza. Sono intervenuti anche i consiglieri Radassao, Giordani, Mazzucchi, Bortolotti e Bonazza, oltre agli assessori Berti, Giordani e Vaccari.

La replica del sindaco ha preceduto la presentazione di due emendamenti da parte di Comunità Attiva, entrambi respinti dalla maggioranza. Sempre Comunità Attiva ha successivamente proposto dieci ordini del giorno, cinque dei quali sono stati accolti anche considerato che la maggioranza sta già lavorando su tali tematiche (porre in essere strumenti di finanza innovativa; introdurre il biglietto famiglia nel servizio di trasporto urbano; adesione al servizio civile trentino; valutare un utilizzo sociale di Malga Cimana in caso di bando di gara deserto; impegno a pubblicare sul sito del comune anche le relazioni collegate al bilancio delle minoranze).

Le dichiarazioni di voto dei capigruppo hanno preceduto la votazione finale dell'intero provvedimento, approvato con i tredici voti della maggioranza, l'astensione di Vivere Villa Lagarina e il voto contrario di Comunità Attiva.


Alleghiamo di seguito gli interventi dei tre capigruppo:
- Marco Vender per Villa Lagarina Insieme;
- Luca Laffi per Comunità Attiva;
- Cristian Martinelli per Vivere Villa Lagarina.

E la Relazione Programmatica al bilancio 2011 di sindaco, assessori e consiglieri delegati.

E una carrellata di diapositive che spiegano numeri e offrono interessanti correlazioni

Primavera, Attilio Lasta