Villa Lagarina estate 2018
''Narrare Villa Lagarina'': video-installazione in biblioteca
L.N. - 2 aprile 2018

Da giovedì, data in cui si celebrava la giornata mondiale dell'acqua, è visitabile in biblioteca a Villa Lagarina l'installazione video-sonora con le interviste del progetto «Narrare Villa Lagarina». L'installazione incrocia memoria orale, suoni ambientali, fotografia e disegni degli alunni delle classi quarta A e quarta B della scuola elementare ‘‘Paride Lodron’’. Si tratta della conclusione del laboratorio didattico dedicato alla raccolta di narrazioni legate alle fontane del centro storico di Villa Lagarina. L’installazione è visitabile negli orari di apertura della biblioteca fino al 30 aprile e rientra nel programma di EnergEticaMente2018. Il laboratorio aveva l’obiettivo di allenare l’attenzione e la capacità di ascolto degli allievi con esercizi pratici e passeggiate sonore, insegnare le tecniche base di registrazione digitale, incontrare gli anziani presso le fontane. «Tutto questo – spiega il consigliere delegato alle politiche giovanili Jacopo Cont - per creare interazione sociale e, soprattutto, per documentare con audio e immagini la “biografia” dell’acqua nel nostro paese, attraverso le fontane, le esperienze e le persone»


Il laboratorio ha proposto due incontri per ogni classe: una lezione teorico pratica in aula e un’uscita sul territorio. L’iniziativa è stata promossa dal Comune in collaborazione con l’associazione culturale Portobeseno. «I bambini – spiega ancora Cont – hanno potuto andare alla scoperta delle storie del territorio ascoltandole dalla voce di chi, qui, vive da prima di loro, proprio come avviene in famiglia quando i nipoti chiedono ai nonni di raccontare la propria infanzia. Siamo riusciti dunque a far conoscere ai ragazzi la realtà che hanno intorno, a metterli in relazione e a creare interscambio generazionale: un dialogo che fa bene a tutte le generazioni, tanto che anche gli anziani che abbiamo coinvolto ci hanno più volte ringraziato».

Portobeseno ha una lunga esperienza specifica, avendo promosso progetti analoghi in altri comuni dell’Alta Vallagarina. In particolare, a guidare le attività sono stati Davide Ondertoller e Sara Maino. Gli incontri all’aperto si sono svolti il 27 novembre alla “Fontana monumentale” (Mascherone) della chiesa, in piazza Santa Maria Assunta, ad ascoltare la testimonianza di Marco Candioli e alla “Fontana delle angurie” in piazza Riolfatti, dove a parlare sono stati Mario Zandonai e Luisa Bettini; il 28 novembre la classe è stata in piazzetta Moll con Bruno Vaccari.