Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Vademecum per il contenimento della cimice asiatica
A.B. - 21 maggio 2020

La fondazione Edmund Mach (FEM), su impulso della Provincia, ha elaborato un vademecum per il contenimento della cimice asiatica nella gestione di sfalci e del verde pubblico e privato, da osservarsi particolarmente nelle aree limitrofe a frutteti e vigneti di fondovalle e quote collinari. Suggerisce inoltre di utilizzare l'applicazione BugMap, strumento che consente a qualsiasi cittadino di concorrere al monitoraggio della diffuzione della cimice, fornendo dati utili attraverso l'osservazione diretta dell'ambiente

La cimice asiatica è una specie invasiva dei nostri ambienti, molto prolifica in quanto priva di limitatori naturali autoctoni, ed estremamente polifaga, perchè è in grado di nutrirsi su più di 400 specie vegetali.

La sua diffusione sul territorio Trentino interessa tutte le zone frutticole e viticole dal fondovalle fino a quote collinari (600-700 m slm). Essa è in grado di arrecare notevoli danni alle colture agrarie, ma vive e si moltiplica su un elevato numero di specie vegetali, anche erbacee e spontanee.

Per contenere la diffusione di tale insetto ed i conseguenza il pregiudizio arrecato all'attività agricola, in attesa che siano disponibili efficaci misure di contrasto diretto alla sua prolificazione, risulta necessari oporre in essere una strategia di ocrretta gestione del verde, che coinvolga anche le aree extra-agricole, situate nei territori a rischio di potenziale diffusione dell'infestante.

Il vademecum allegato fornisce utili indicazioni per il contenimento, e l'uso dell'applicazione BugMap indicata nel volantino fornirà utili dati di monitoraggio per consentire azioni mirate di contenimento di tale insetto.

 

INFO:

Claudio Panizza - 3358359234 claudio.panizza@fmach.it

Maurizio Bottura - 3357867495 maurizio.bottura@fmach.it