Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Dai 1.200 ai 2.400 euro all'anno, la Pat conferma l'assegno di natalità
A.B. - 4 gennaio 2021

Aggiornati i criteri di accesso e confermato Icef a 0,40. La deliberazione adottata dalla Giunta, su proposta dell’Agenzia provinciale per la famiglia, natalità e politiche giovanili in collaborazione con l’Agenzia provinciale per l’assistenza e la previdenza integrativa, fissa i nuovi criteri previsti. Contestualmente la Pat provinciale ha provveduto anche a modificare il regolamento per i requisiti di accesso all'assegno di natalità

La Provincia ha fissato i nuovi criteri e i requisiti necessari ai nuclei familiari per accedere all'assegno di natalità. Una misura riconosciuta per 3 anni a decorrere dal mese successivo alla nascita e si applica anche ai figli adottati.

"Il regolamento che stabilisce i requisiti di accesso all'assegno di natalità è stato modificato, la soglia dell'indicatore della condizione economico finanziaria per l'accesso a questa misura è stata fissata a 0,40.

L'obiettivo è di consentire ad un numero maggiore di persone di usufruire di questo contributo, che sostiene la natalità e le famiglie.

REQUISITI:
Possono accedere a questa agevolazione i nuclei familiari con indicatore della condizione economica familiare (Icef) non superiore a 0,40, residenti in via continuativa in provincia di Trento negli ultimi due anni e in Italia negli ultimi 10 anni.

MISURA DELL'ASSEGNO:

  • euro 1.200 all’anno, rapportato a mese, per il primo figlio;
  • euro 1.440 all’anno, rapportato a mese, per il secondo figlio
  • euro 2.400 all’anno, rapportato a mese, per il terzo figlio e successivi;

L’assegno è riconosciuto per la durata di 3 anni ed è incompatibile con l’analoga agevolazione prevista dallo Stato, erogata dall’INPS, per il primo anno dal mese successivo alla nascita o all’adozione. Per i figli nati o adottati negli anni 2020 e 2021, per i primi dodici mesi l’assegno è erogato dallo Stato e la Provincia riconosce l’assegno di natalità a decorrere dal 13° mese di nascita o adozione per i successivi due anni, con verifica annuale del mantenimento delle condizioni che danno diritto all’accesso.

La domanda dell’assegno di natalità della Provincia, per i nati o adottati nell’anno 2020 per il secondo anno di vita o di adozione, è presentata all’Agenzia provinciale per l’assistenza e la previdenza integrativa attraverso gli istituti di patronato e assistenza sociale, contestualmente alla domanda dell’assegno unico provinciale riferito al periodo 1 luglio 2021 – 30 giugno 2022 con riconoscimento dell’assegno di natalità a decorrere dal 13° mese di vita o di adozione. L’Assegno è rinnovato per il terzo anno di vita in presenza del mantenimento dei requisiti per l’accesso.

Per i nati o adottati nell’anno 2021 per il secondo anno di vita o di adozione, la domanda è presentata contestualmente alla domanda di assegno unico provinciale per l’anno 2022. I requisiti per l'accesso all'assegno di natalità e gli elementi per la determinazione della relativa misura sono dedotti dalla domanda per il conseguimento dell'Assegno unico provinciale. Il contributo è rinnovato per il terzo anno di vita in presenza del mantenimento dei requisiti.

 

INFO:
Agenzia provinciale per la previdenza integrativa – APAPI
Contatti: tel. 0461/493234 - mail agenzia.prev@provincia.tn.it – web www.apapi.provincia.tn.it 

Agenzia provinciale per la famiglia, natalità e politiche giovanili
Contatti: tel. 0461-494110 – mail agenziafamiglia@provincia.tn.it – web www.trentinofamiglia.it

Sportelli degli istituti di patronato e assistenza sociale

natalita