Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
L.N. - 29 aprile 2019

È visitabile fino al 26 maggio, a Palazzo Libera, la mostra personale di Leonardo Checchia, curata da Stefania Segatta. Come già comunicato, è in vigore il nuovo orario di apertura delle sale espositive, dunque l’allestimento è visitabile venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 18, sempre con ingresso libero. Nel giorno dell’inaugurazione, la curatrice ha citato Arthur Rimbaud: «Inventai il colore delle vocali! – A nera, E bianca, I rossa, U verde, O blu, - Disciplinai la forma e il movimento di ogni consonante, e, con ritmi istintivi, mi lusingai d’inventare un verbo poetico e accessibile, un giorno o l’altro a tutti i sensi. Riservavo la traduzione. Fu all’inizio uno studio. Scrivevo silenzi, notti, segnavo l’inesprimibile. Fissavo vertigini» (da Rimbaud – Alchimia del verbo)


Continua >>
L'artista con una delle sue opere
L.N. - 23 aprile 2019

Malga Cimana ha riaperto sabato 13 aprile. Bene di proprietà del Comune di Villa Lagarina è attualmente gestito (l’affidamento dura quattro anni), da un gruppo di tre giovani imprenditrici, con in testa Ilaria Clappa. Non si è trattato di una vera e propria inaugurazione, perché quella è in programma per il weekend del 25 e 26 maggio. La malga, con tutti i suoi servizi, è però già “operativa” e lo sarà tutti i giorni. Sono subito andate esaurite le prenotazioni per Pasqua e Pasquetta, ora è già corsa a riservare un tavolo per i ponti del 25 aprile del primo maggio. A Malga Cimana si potrà gustare la tipica cucina trentina di montagna, anche se non mancherà un tocco di creatività: ci sarà dunque qualche rivisitazione pensata dallo chef Luca Zangoni coadiuvato dalla moglie Giorgia. Per le prossime giornate, sarà privilegiato un menù primaverile, del resto è intenzione della nuova gestione quella di seguire l’andamento stagionale per proporre piatti sempre freschi e in linea coi tempi della natura


Continua >>
L.N. - 18 aprile 2019

Parte in occasione dell'inaugurazione della mostra di Leonardo Checchia “Alchimia del Colore” (sabato 20 aprile alle 18) il nuovo orario di apertura al pubblico di Palazzo Libera, la sede museale di proprietà del Comune di Villa Lagarina che ospita al piano terra tre sale dedicate alle mostre temporanee oltre alla Stanza Adalberto Libera, mentre ai piani superiori trovano collocazione la Sala Nobile e la sezione locale del Museo Diocesano Tridentino. A partire da venerdì 19 aprile le esposizioni temporanee e permanenti si potranno visitare dal venerdì alla domenica e nei festivi, con orario continuato dalle 10 alle 18. La decisione, concertata tra amministrazione comunale e direzione del Diocesano, è legata alla riduzione del personale di custodia messo a disposizione dal museo stesso. Si sono in ogni caso salvaguardati i giorni di maggiore afflusso, concentrati appunto nei fine settimana e nelle giornate festive. Rimangono invariate le chiusure ricorrenti: 1 gennaio (Capodanno); Pasqua; 1 novembre (Ognissanti); 25 dicembre (Natale); 31 dicembre (San Silvestro). Maggiori info cliccando qui


Continua >>
M.V. - 15 aprile 2019

Il progetto di fusione tra i comuni di Villa Lagarina, Pomarolo e Nogaredo è naufragato dopo che il consiglio comunale di Pomarolo ha bocciato, lo scorso 29 marzo, l'atto di indirizzo che avrebbe dato mandato ai sindaci di procedere, rendendo vani i pronunciamenti unanimemente a favore dei consigli comunali di Villa Lagarina (il 20 febbraio) e di Nogaredo (il 12 marzo). La fusione non si farà nemmeno con Nogaredo dato che quel consiglio comunale ha voluto precisare che era d'accordo solo con una fusione a tre. La sindaca Romina Baroni spiega in una lettera, recapitata nel fine settimana a tutti i propri concittadini e concittadine, le ragioni del fallimento e la decisione, suffragata da maggioranza e minoranze, di recedere a questo punto dalla gestione associata, ingestibile e ingovernabile nel medio periodo, cui Villa Lagarina aveva esplicitamente aderito solo in funzione del percorso di fusione. Di seguito il testo integrale della lettera


Continua >>
Romina Baroni
L.N. - 11 aprile 2019

Il numero di marzo 2019 della rivista trimestrale ItaliaPiù, distribuita in edicola con “Il Sole 24 ORE”, dedica un servizio a Villa Lagarina, scrivendo: «Nel cuore della Vallagarina, una natura che si apprezza a piedi o in bici tra l’Adige, i laghi e i borghi storici». Da oltre trent’anni, Italia Più “La Rivista dei Comuni e del Territorio” fotografa e valorizza le più autorevoli realtà territoriali italiane, evidenziandone le eccellenze in ambito commerciale, artigianale e imprenditoriale. La rivista si può sfogliare anche online: http://www.italiapiu.net/numero-marzo-2019/ >> pag. 134

 


Continua >>
L.N. - 9 aprile 2019

Risorse in particolare per politiche sociali, mobilità sostenibile, efficientamento energetico, manutenzione del patrimonio comunale, nuovo magazzino dei pompieri a Castellano, investimenti sull'area montana. Passa, con 11 voti favorevoli e 6 contrari, il bilancio di previsione 2019 (era assente un consigliere). Il “documento unico di programmazione” ha sempre un riferimento triennale e una sua articolazione annuale; per il 2019 pareggia a 7.142.989 euro.


Continua >>
Il consiglio comunale (foto d'archivio)
L.N. - 1 aprile 2019

I primi due obiettivi sono raggiunti. Anzi, a dirla tutta l’obiettivo primario era divertirsi superando ogni barriera, che di fatto è l’unico obiettivo che conta davvero. Ma ripartiamo daccapo. Il football club Vincenzina è la squadra “meticcia” (sono loro a definirsi così) che unisce giovani lagarini e africani, italiani e richiedenti asilo, l’Italia e altre 10 nazioni, nel piacere di giocare a pallone. Ogni martedì l’Us Vicenzina, ormai da diverso tempo visto che tutto è nato lo scorso settembre, si ritrova al campo da calcio di Pomarolo per giocare e allenarsi.


Continua >>
L.N. - 25 marzo 2019

Sono state recentemente rinnovate le convenzioni tra Comune e associazioni, operatori economici o semplici cittadini che, fin dal 2015, hanno aderito al progetto col quale è stata affidata la manutenzione di fontane, aiuole e fioriere pubbliche. I contratti erano in scadenza a fine 2018 (l’impegno è triennale) e tutti hanno confermato l’adesione: «L’intuizione avuta dall’amministrazione ha colto nel segno. Sono alti, nella nostra comunità, il valore del volontariato, la sensibilità nel prendersi cura del bene comune, il senso di appartenenza al territorio in cui si vive e lavora» spiega la sindaca Romina Baroni


Continua >>
L.N. - 18 marzo 2019

La pulizia dell’aria, con la riduzione dell’anidride carbonica e delle polveri, passa anche dalle scelte che un Comune effettua quando decide di piantumare un parco o un viale. Ecco che Villa Lagarina, riprendendo uno studio elaborato con dati del Cnr e presentato dalla Coldiretti al Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione a Cernobbio, ha stilato il proprio elenco di specie arboree antismog: piante che possono letteralmente ripulire l'aria catturando migliaia di chili di anidride carbonica e sostanze inquinanti come le polveri PM10 che ogni anno in Italia causano circa 80mila morti premature. Ma che hanno anche la capacità di influire sulla temperatura dell’ambiente in cui si trovano, mitigandola. «La lotta al cambiamento climatico si fa anche con azioni semplici e sobrie - commenta l'assessore all'ambiente Marco Vender - con questa decisione la giunta dà un chiaro indirizzo alla propria giardineria comunale riguardo la messa a dimora di nuove specie arboree, nel segno della sostenibilità ambientale e dell'attenzione alla salute dei cittadini»


Continua >>
Alberi mangia smog
L.N. - 12 marzo 2019

È stata inaugurata sabato scorso a palazzo Libera, e rimane aperta fino al prossimo 14 aprile, la mostra “Le forme visibili della poesia”. Curata dal Comune di Villa Lagarina in collaborazione con PoliArt Contemporary di Milano, l’esposizione è una personale di Fernando Picenni a cura di Leonardo Conti e Michele Beraldo, con l’organizzazione di Claudio Tovazzi. All’allestimento ha collaborato l’Archivio Picenni di Milano, il catalogo è stato curato da Sara Bastianini e Leonardo Conti, con le fotografie di Bruno Bani


Continua >>