Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Chiarani. Segni su carta
Mostra
A cura di: Comune di Villa Lagarina
Palazzo Libera
Via Garibaldi, 12 - Villa Lagarina
Vedi Google Maps
Da sabato 14 dicembre
a domenica 19 gennaio 2020

Personale di Franco Chiarani a cura di Giancarla Tognoni. Inaugurazione sabato 14 dicembre alle 18:00


Un dipinto è la raffigurazione di un attimo, sospeso e quasi strappato al suo
tempo, che lascia l’osservatore ad immaginare storie e vite nascoste nel prima e nel dopo del momento fissato nell’opera: perché quel preciso momento solo lì esiste, non era e non sarà mai più. Nella vita quotidiana, forse, non lo si sarebbe neppure percepito, mentre nel quadro questo attimo diventa speciale, si dilata e rende evidente quello che altrimenti ci sarebbe sfuggito.

Succede per la luce che pervade un paesaggio o per l’espressione di un volto, colta in un preciso minuto: potrebbe non essere il momento più bello o più importante, ma lo diventa perché tutti gli altri si perdono nel volgere del giorno e solo quello fissato sul foglio o sulla tela acquista una sua speciale immortalità. E non solo. La puntualità dell’opera fa emergere anche una diversa possibilità di lettura: improvvisamente fermate in un segno, in un colore, si vedono storie che nel quotidiano non emergono, si intuiscono segreti e sentimenti accuratamente nascosti nella distrazione creata dal movimentato trascorrere del tempo.

Le figure e le luci di Franco Chiarani, più di altre, rendono vero questo pensiero. Sono astrazioni di situazioni reali, sono momenti che, una volta impressi nelle carte - le amate carte che il pittore da sempre usa e che lo ripagano con una docilità inaspettata - acquistano una dimensione completamente nuova e allo stesso tempo misteriosa, che induce l’osservatore ad immaginare che tra le forme sinuose nulla sia ordinario, anche se rubato al vivere quotidiano.

Talvolta spiccano nel quadro delle presenze ben definite, che sembrano osservare più che mostrarsi: guardano il mondo oltre il confine della loro cornice, con schiettezza quasi sfacciata o con una malcelata noia. A volte invece sono nascoste fra le linee sinuose di paesaggi rarefatti o nelle forme più regolari di interni segnati da porte o suppellettili appena definite, ignare o disinteressate di chi le osserva e si sforza di coglierne l’espressione, intuendo che hanno una storia che non sempre, e non a tutti, vogliono raccontare.

Perfino i paesaggi, anche quelli più noti e familiari al pittore, acquistano nei
suoi dipinti una identità nuova: diventano essi stessi delle personificazioni,
con propri stati d’animo, emozioni segrete. Lo stesso profilo di monte, dipinto in momenti successivi, diviene raffigurazione di umori e di suggestioni profondamente e straordinariamente differenti.

La pittura di Chiarani è un mondo affascinate e ricco di mistero: la composizione di ogni quadro è sempre così ben bilanciata e la scelta cromatica così equilibrata, da indurre una prima impressione di misurata calma, un tempo fermo. Ma si tratta di una dissimulazione voluta, per nascondere quello che invece si può cogliere quando ci si immerge negli infiniti dettagli, nei tratti che ad un tempo rivelano e nascondono un mondo complesso di passioni, di sentimenti, di pensieri.

Chi vuole coglierne l’essenza, chi vuole ascoltarne la voce, non deve fermarsi
al primo attimo - sospeso e fisso come un respiro trattenuto - ma deve indulgere con lo sguardo sulle linee che il gesto sapiente dell’artista ha tracciato per far solo intravedere la storia che vuole raccontare.

Giancarla Tognoni

 

FRANCO CHIARANI
Nasce ad Arco (TN) nel 1946. Autodidatta, esordisce in mostra personale nel
1978 a Padova, iniziando un percorso di rilievo che lo conduce oltre a numerose e significative tappe italiane, ad esporre in Germania, Stati Uniti e Francia. Intensa la partecipazione a rassegne collettive. Legato a canoni sostanzialmente figurativi, l’artista propone un personale linguaggio espressionista, ricco di simbologie ed elementi trasfigurativi della realtà visibile, relazionata ad altri scenari talora scaturiti dal vivere quotidiano, talora offerti dalla cronaca del suo tempo.

1978 Galleria Esedra - Padova
          Salone delle Terme - Comano Terme (TN)
1980 Galleria Ghirlandina - Modena
          Galleria Bandini - Cecina (LI)
1981 Galleria Tiziano - S. Giovanni Lupatoto (VR)
1982 Galleria Emilia - Modena
          Galleria La Firma - Riva del Garda (TN)
1983 Galleria Conti Arte Studio - Montichiari (BS)
1986 Galleria Torre Civica - Medole (MN)
1987 Galleria Falco Arte - Martinsicuro (TE)
1988 Galleria La Firma - Riva del Garda (TN)
1989 Galleria 707 International Art - Palm Beach, Florida (USA)
1995 Galleria Schaller Int. Kunst u. Antiquitäten - Norimberga (GERMANIA)
1997 Centro sportivo polivalente - Soliera (MO)
1998 Biblioteca comunale - Arsiero (VI)
1999 Villa Fabriani - Spilamberto (MO)
2000 Casa degli Artisti “G.Vittone” - Tenno (TN)
2001 Centre d’Art Contemporain - Briançon Vauban (FRANCIA)
2002 Galleria Sante Moretto Arte Contemporanea - Monticello Conte Otto (VI)
          “Mirabilarte” - Sala Comunale - Preore (TN)
2003 Galleria Sante Moretto Arte Contemporanea - mostra personale sul tema sacro la Crocefissione - Monticello Conte Otto (VI)
2004 Expo Arte - Morciano (RN)
          Chiesa San Nicolò - Rovereto (TN)
          Studio 60 - Vicenza
2006 Spazio Arte, Sala Biblioteca - Borgo Ticino (NO)
          XVII Settimana d’Arte Cecìna - Toscolano (BS)
2007 Galleria Sante Moretto Arte Contemporanea - Monticello Conte Otto (VI)
          Frantoio di Vignole di Arco - Arco (TN)
2009 “7 espressioni 7 magie dell’arte e della vigna” - Villa Mirra, Cavriana (MN)
2010 Galleria Civica G. Craffonara - Riva del Garda (TN)
2011 Galleria Civica G.B. Bosio - Desenzano (BS)
2012 Castello di Drena - Drena (TN)
2014 Galleria Luigi Sturzo - Mestre (VE)
2015 Spazio Atelier Ca’ La Ghironda - Ponte Ronca di Zola Predosa (BO)
2016 Galleria 13 - Reggio Emilia
          “Velate Presenze” - Torre Civica - Medole (MN)
2017 “La sottile anima del segno” - Galleria Craffonara - Riva del Garda (TN)
2019 “Una sera qualsiasi ed altre storie” - Antica Corte Casa Marini - Polinago (MO)

ORARIO
venerdì, sabato, domenica, 26 dicembre e 6 gennaio 10:00-18:00

 

 

File allegati:
Locandina pdf (3.2 MB)
SEGNI SU CARTA