Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Servizi online
Albo Pretorio on-line
Albo telematico imprese
Archivio atti e provvedimenti
Cambio residenza
Tributi e Tariffe
Modulistica
Posta elettronica certificata
Regolamenti
Rss
In evidenza
Associazioni
Biblioteca comunale
Centro famiglia 180°
Centro servizi anziani
Gemellaggi
Lotta alla zanzara tigre
Mercati
Notiziario comunale
Pace e diritti umani
Palazzo Libera
Patto d'Area
Piano Protezione Civile
Piedibus
Pro Loco Pedersano
Pro Loco Castellano-Cei
Rete di Riserve Bondone
Scuola musicale Jan Novák
SpazioLab
Solidarietà internazionale
Tavolo Giovani Destra Adige
Links utili
Provincia autonoma di Trento
Comunità della Vallagarina
Consorzio dei Comuni Trentini
Difensore civico
Garante dei minori
Azienda Provinciale Servizi Sanitari
Centro AntiViolenza Trento
Cinformi
LILT Trentino
APT Rovereto e Vallagarina
VisitVillaLagarina
Progetto Destra Adige Lagarina
Agenzia dello Sport Vallagarina
CastelFolk
In primo piano
L.N. - 13 novembre 2017

È stato unanime il “sì” del Consiglio comunale, riunitosi lo scorso 9 novembre per l'occasione a Castellano, alla parziale modifica e proroga fino al 31 marzo 2020 dell'Accordo di Programma istitutivo della Rete di Riserve Bondone che interessa i territori dei comuni di Cimone, Garniga Terme, Terlago, Trento e Villa Lagarina ai sensi della legge provinciale 11/2007 “Governo del territorio forestale e montano, dei corsi d’acqua e delle aree protette”. Via libera anche alla prima adozione del Piano di Gestione a firma di Federico Salvagni, Filippo Zibordi e Luca Casagrande, con la supervisione del coordinatore della Rete, Andrea Sgarbossa. Ammontano a 756.000 euro le risorse disponibili per il triennio 2017-2020. «La Rete di Riserve è un istituto che non pone nuovi vincoli mentre offre opportunità a favore dell'intero ambito interessato - afferma la sindaca di Villa Lagarina e vicepresidente della Rete, Romina Baroni - la prospettiva per l'area di Castellano e per la delicatissima valle di Cei è di raggiungere un equilibrio tra presenza antropica e natura, l'attenzione è di conservarne e valorizzarne la biodiversità, la scommessa è di attuare un modello di sviluppo sostenibile con un'impronta turistica non invasiva e consapevole»

Continua >>
L.N. - 6 novembre 2017

Tre pittori e uno scultore: il gruppo “Spazio Libero” espone a palazzo Libera fino al 3 dicembre la mostra intitolata “Fantasie nell’arte”. Carla Maria Bertolini, Andrea Bertolini, Ludovico Bertolini e Davide Trimeloni condividono da anni una passione per l’arte e una profonda amicizia; altrettanto importante, e forse questo è il bello, le loro opere seguono percorsi assolutamente distinti e distinguibili: non c’è un filo conduttore nei soggetti, nei colori o nelle tecniche usate. Dunque l’occasione è quella di ammirare - concentrate - quattro diverse espressioni artistiche. Per il vicesindaco e assessore alla cultura, Marco Vender: «È capace di suscitare emozioni e suggestioni la proposta dei quattro artisti di Spazio Libero, premiati dalle quasi 200 persone presenti all'inaugurazione di sabato 28 ottobre oltre che dalle parole d'amicizia del critico Maurizio Scudiero, presente tra il pubblico, che ne ha sottolineato la capacità di rendere viva e attuale l'arte»

Continua >>
L.N. - 30 ottobre 2017

Ai primi di ottobre i sindaci di Villa Lagarina e Nogaredo hanno sottoscritto, su mandato dei rispettivi consigli comunali, una convenzione a tempo con la quale i due vigili urbani di Villa Lagarina, Vigilio Baldessarini ed Elvio Bonomi, prestano servizio anche sul territorio di Nogaredo per dodici ore alla settimana e fino alla fine del 2017. Nel merito la sindaca Romina Baroni ci tiene a offrire un ragionamento un po' più articolato rispetto a quanto emerso dalla sintesi riportata domenica 22 ottobre scorso su un quotidiano locale, auspicando che circa il futuro della vigilanza urbana in Vallagarina «si possa finalmente aprire un ragionamento inclusivo e allargato a tutti i territori interessati, comprendendo i corpi esistenti, la Provincia e la stessa Comunità di valle»

Continua >>
L.N. - 23 ottobre 2017

È stata completata la realizzazione dei loculi cimiteriali a servizio del piccolo ma caratteristico cimitero di montagna di Castellano. «Un servizio che, nella frazione, mancava» spiega l’assessore ai lavori pubblici e patrimonio Flavio Zandonai. «In un primo tempo si era pensato di realizzarli fuori terra in verticale, poi si è scelta questa soluzione, più adatta dal punto di vista dell’impatto architettonico». L’articolo che proponiamo è corredato da alcune notazioni storiche e culturali a cura di Gianluca Pederzini. «A livello tecnico - spiega ancora Zandonai - si tratta di loculi interrati che sono stati realizzati in modo da poter accogliere sia le urne cinerarie sia i resti recuperati in caso di esumazione. Gli spazi sono 10 ed è già prevista la possibilità di realizzarne altrettanti, in futuro, dall’altra parte della chiesetta. Il lavoro è stato eseguito da una ditta locale, specializzata in questo settore. A completare l’opera, ci sono le piastre in pietra che possono essere personalizzate con le fotografie e le iscrizioni». Il prossimo passo è quello della integrazione del regolamento, che sarà oggetto di discussione della prossima seduta della giunta e poi del consiglio comunale

Continua >>
Tutte le notizie >>